whatsapp-multata-225-milioni-euro-violazione-privacy-dati

WhatsApp, la piattaforma di messaggistica istantanea di proprietà di Facebook, è stata multata di 225 milioni di euro (circa 267 milioni di dollari) da un garante dei dati in Irlanda per aver violato le norme sulla privacy dei dati dell’UE. Ciò la rende la sanzione più grande inflitta dalla normativa irlandese sui dati per violazione del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e la seconda più grande nell’UE.

La Commissione irlandese per la protezione dei dati afferma che WhatsApp, di proprietà di Facebook, non è riuscita a comunicare ai suoi cittadini dell’Unione europea ciò che l’azienda fa con la raccolta dei dati dell’utente, incluso il modo in cui vengono raccolti i dettagli e gli utenti, nonché come WhatsApp condivide i dati dell’utente con Facebook.

WhatsApp non ci sta e presenterà un ricorso

L’autorità irlandese aveva originariamente chiesto a WhatsApp una multa di 50 milioni di euro per aver violato il GDPR, ma altre agenzie per la protezione dei dati spingevano per una sanzione più severa. Ora, l’ammenda inflitta è più di quattro volte quella originariamente proposta.

Nel suo ordine, la commissione ha chiesto a WhatsApp di modificare le sue politiche sulla privacy e il modo in cui comunica con gli utenti al fine di rendere la piattaforma conforme alla legge sulla privacy europea. Ciò significa che il servizio di messaggistica potrebbe dover espandere la propria politica sulla privacy.

Privacy: ecco le informazioni condivise da WhatsApp

WhatsApp ha affermato che la società presenterà un ricorso contro questo verdetto. Il portavoce della società ha aggiunto: ‘WhatsApp si impegna a fornire un servizio sicuro e privato. Abbiamo lavorato per garantire che le informazioni fornite siano trasparenti e complete e continueremo a farlo. Non siamo d’accordo con la decisione odierna sulla trasparenza che abbiamo fornito alle persone nel 2018 e le sanzioni sono del tutto sproporzionate’.

La società ha rivelato sul suo sito Web di condividere informazioni come numeri di telefono, dati sulle transazioni, interazioni commerciali, informazioni sui dispositivi mobili, indirizzi IP e altre informazioni con Facebook. L’azienda sottolinea che non condivide conversazioni personali, dati sulla posizione o registri delle chiamate.