blank

A partire da inizio anno ha fatto molto rumore la decisione di WhatsApp di modificare i suoi termini di servizio, per gli utenti residenti in specifiche regioni geografiche, e di accettare le stesse modifiche. Ora sembra finalmente arrivare un punto alla situazione.

Dopo vari rinvii e chiarimenti, WhatsApp avrebbe finalmente deciso di rendere del tutto opzionali i nuovi termini di servizio. Dunque gli utenti WhatsApp non saranno più obbligati ad accettarli dietro la minaccia di un blocco dell’account o di una limitazione dello stesso, come accennato precedentemente. Scopriamo i dettagli.

 

WhatsApp: i termini non si dovranno obbligatoriamente accettare

L’unico inconveniente, per coloro che non accetteranno i nuovi termini di servizio, riguarderà l’impossibilità di comunicare con account WhatsApp Business che si avvalgono di provider cloud di terze parti. La nuova impostazione in merito all’accettazione dei nuovi termini di servizio verrà introdotta con una descrizione in un futuro aggiornamento dell’app Android e iOS di WhatsApp, probabilmente a partire dalle versioni beta.

Tale descrizione, verrà proposta solo quando si tenterà di comunicare con un account Business che si serve di provider cloud. Le novità non sono ancora state diffuse e potrebbero passare alcune settimane prima che WhatsApp effettui il cambiamento. In ogni caso, anche con questa ulteriore modifica non sarà prevista l’eliminazione dell’account in chi non accetterà i nuovi termini del servizio.

Si potrà incorrere in questa eventualità solo nel caso in cui non venga effettuato un accesso all’applicazione per 120 giorni. Si tratta, in realtà, di una norma esistente da tempo sugli utenti inattivi, che porta alla perdita di tutte le chat effettuate nel tempo.