Postepay: grossa truffa ai danni degli italiani, ecco il messaggio phishing

La cancellazione del programma cashback da parte del Governo ha creato un grande malumore, tra alcune forze politiche ed anche tra i cittadini che avevano aderito all’iniziativa. In estate il cashback dello Stato non sarà più disponibile, ma non è questa l’unica brutta notizia. Anche Postepay infatti ha deciso di accantonare il suo programma per i rimborsi

 

Postepay, a Luglio lo stop al cashback interno

Postepay sempre in inverno ha lanciato un suo programma cashback, parallelo a quello previsto in via centrale dallo Stato. I clienti con la carta di credito ricaricabile hanno avuto la possibilità di ricevere rimborso di un euro per gli acquisti con un costo pari o superiore ai 10 euro.

Il cashback di Postepay era legato a determinati tipi di spese (carburante, servizi, beni e consumi) presso alcuni rivenditori partner. Per ricevere il bonus, i clienti dovevano mostrare al punto vendita il codice QR disponibile attraverso l’applicazione ufficiale dello strumento di pagamento.

Anche Postepay, come il cashback centrale, ha bloccato il suo programma lo 30 Giugno. Dato che la decisione è divisa allo stop del Governo per il programma di rimborsi, ad oggi è sempre plausibile una ripresa nel corso delle prossime settimane.

I clienti di Postepay che hanno diritto al rimborso di un euro saranno rimborsati da Poste Italiane già nei prossimi giorni. L’euro di rimborso per ogni acquisto sarà caricato direttamente sulla carta di credito ricaricabile entro pochi giorni dall’atto di acquisto. Per ulteriori informazioni sul programma, gli utenti possono rivolgersi direttamente ai canali assistenza di Poste Italiane.