cyberpunk-2077-sviluppatore-dati-rubati-circolano-online

Lo sviluppatore di Cyberpunk 2077 ha rivelato che i dati rubati durante un attacco ransomware all’inizio di quest’anno stanno ora circolando online. CD Projekt Red è stata vittima di un “attacco informatico mirato” nel febbraio 2021 che ha visto il furto di dati interni da parte di hacker sconosciuti, nonché la crittografia di alcuni dispositivi.

Diversi mesi dopo l’attacco, la società ora crede che i suoi dati interni rubati durante l’attacco siano ora disponibili online. Secondo una richiesta di riscatto pubblicata da CD Projekt Red, gli hacker sono riusciti ad accedere ai codici sorgente di Cyberpunk 2077, Witcher 3, Gwent e alla versione inedita di Witcher 3. Inoltre, hanno affermato di aver ottenuto l’accesso a “documenti relativi alla contabilità”.

Cyberpunk 2077: la societá sta lavorando con le forze dell’ordine

In una dichiarazione sul proprio account Twitter, CD Projekt Red ha affermato che sebbene non sia stata in grado di confermare l’esatto contenuto dei dati rubati in questione, potrebbero essere coinvolti dettagli di dipendenti e appaltatori attuali ed ex. La società ha aggiunto di non poter confermare se i dati in questione possano essere stati “manipolati o manomessi” a seguito della violazione.

CD Projekt Red afferma che sta ancora lavorando con un certo numero di forze dell’ordine ed esperti di sicurezza dopo l’attacco, oltre ad essere in contatto con Interpol ed Europol. La società ha aggiunto di essere “impegnata e pronta ad agire contro le parti che condividono i dati rubati”.

“Vorremmo anche affermare che, indipendentemente dall’autenticità dei dati in circolazione, faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere la privacy dei nostri dipendenti”, ha aggiunto in un post sul blog interno.