Sulla scia del tumultuoso lancio di Cyberpunk 2077, diversi dipendenti di CD Projekt Red hanno parlato dello sviluppo del gioco e di come sarebbe potuto essere rilasciato in uno stato così grezzo e incompiuto. I problemi sembrano derivare non solo da aspettative di sviluppo irrealistiche, ma anche da una campagna di marketing che sembrava destinata a promettere troppo sul prodotto finale.

Approfondiamo sulla discussione dei dipendenti CD Projekt Red

Parlando con Jason Schreier di Bloomberg, un membro anonimo del team di sviluppo di Cyberpunk 2077 ha affermato che un grosso problema derivava dal fatto che il motore del gioco veniva creato contemporaneamente al gioco. L’hanno paragonato a mettere giù i binari davanti a un treno in movimento per evitare che si schiantasse, invece di costruire prima i binari.

Lo sviluppo del gioco non è iniziato sul serio fino al 2016 circa, nonostante sia stato annunciato diversi anni prima, poiché la maggior parte di CD Projekt Red ha continuato a lavorare su The Witcher 3.

Lo stato del gioco al lancio sarebbe stato deriso, indipendentemente dalle aspettative dei fan – un gioco che si interrompe continuamente e semplicemente non funziona correttamente lo farà – ma le cose non sono state aiutate dal suo marketing e dal debutto all’E3. La dimostrazione che abbiamo visto all’E3 2018 conteneva materiale che non sarebbe stato rilasciato nel gioco finale, con la data di rilascio annunciata allo stesso tempo considerata irragionevole, secondo il rapporto.

I dipendenti anonimi che hanno parlato con Bloomberg hanno affermato di ritenere che il 2022 sarebbe una finestra di rilascio più ragionevole. CD Projekt Red continua a lavorare per risolvere i problemi di Cyberpunk 2077, ma resta da vedere se il gioco verrà mai eseguito in uno stato accettabile sui sistemi Xbox One e PS4.

Al momento non è affatto disponibile per l’acquisto digitale dal PlayStation Store e le versioni complete per PS5 e Xbox Series X | S non sono previste fino alla fine di quest’anno. I rimborsi sono stati offerti a coloro che su console hanno acquistato il gioco in anticipo, sia tramite rivenditori selezionati che tramite CD Projekt stesso.