cashback

Nelle ultime settimane non sono mancati gli aggiornamenti relativi al programma cashback. Le discussioni su una possibile cancellazione della misura nel Giugno 2022 per ora restano nel campo dei rumors. La misura dei rimborsi resta quindi al centro del Fisco italiano, anche se con alcune novità.

 

Cashback, le regole inedite per il rimborso da 1500 euro

Anche per la seconda parte del 2021, l’impianto del cashback resterà lo stesso. I partecipanti potranno acquisire un rimborso massimo dal valore di 300 euro per semestre. I partecipanti al cashback avranno diritto ad un rimborso del 10% su ogni singolo acquisto con carta di credito o di debito. Per accedere al riaccredito sarà necessario accumulare nel semestre almeno 50 operazioni.

Alcune perplessità sono invece emerse dal super rimborso di 1500 euro. La seconda parte del programma cashback si rivolge in maniera prioritaria ai primi 100mila italiani con il maggior numero di acquisti con carte di credito e moneta digitale.

Gli esperti del Fisco hanno però evidenziato su tal fronte la presenza di alcuni furbetti. Dalle analisi e dalle segnalazioni dello stesso pubblico è emerso come molti partecipanti abbiano truccato la loro graduatoria. Basta soltanto pensare che i primi in classifica sino a qualche settimana fa avevano all’attivo una media di 30 acquisti al giorno.

I partecipati per il cashback da 1500 euro utilizzavano la famosa tecnica degli acquisti dilazionati: più spese, dal valore di pochi centesimi, per ottenere posizioni utili alla graduatoria del rimborso.

Per il cashback da 1500 euro sono quindi previste ora delle modifiche al programma. La tecnica degli acquisti dilazionati sarà eliminata, cancellando le spese di pochi centesimi dal programma.