internet-explorer-morte-microsoft

Microsoft ha fissato la data di morte per il suo browser Internet Explorer. Già a partire dall’anno prossimo, nello specifico il 15 giugno 2022 non verrà più supportato e verrà ritirato. Non funzionerà più per le versioni di Windows 10 e non si capisce bene il destino per le altre versioni.

La dichiarazione di Microsoft: “Il futuro di Internet Explorer su Windows 10 è in Microsoft Edge. Non solo Microsoft Edge è un’esperienza di navigazione più veloce, più sicura e più moderna, ma è anche in grado di affrontare una preoccupazione chiave: la compatibilità per siti Web e applicazioni meno recenti.”

Come detto qua sopra, al posto di Internet Explorer Microsoft vuole spingere su Edge il quale è sostanzialmente una versione di Chrome con un’interfaccia diversa. È senza ombra di dubbio più utile, veloce e comodo rispetto al predecessore.

 

Internet Explorer: addio a un pezzo di storia

Internet Explorer è sicuramente il browser più odiato al mondo, o perlomeno o lo era fino a pochi anni fa quando le alternative erano veramente poche. Attualmente è più un meme che altro e alla fine si finisce per usarlo forse nei computer di scuola meno aggiornati. A casa, a meno di scarse competenze o per altri motivi particolari e specifici, nessuno lo usa più.

Per molto tempo Internet Explorer è stato usato come mezzo solo per scaricare Chrome una volta che si è acceso il computer la prima volta, o dopo un reset. In quel momento la sua utilità si è conclusa. Sicuramente non mancherà a molti e verrà ricordato solo attraverso i meme.