Clubhouse

Clubhouse, il social network più discusso di sempre, è protagonista di un finale inaspettato. Questa fine nessuno se la sarebbe mai aspettata. Forse il progetto è stato troppo ambizioso o incomprensibilmente di nicchia? Comunque resta il fatto che ciò che è successo ad aprile ha fatto il tonfo e Clubhouse sicuramente si sarà fatto male. Chissà se ci sarà un futuro per questa app? Intanto si attende ancora la versione per Android, appunto!

 

Drastico calo di download per Clubhouse, il social network che doveva spopolare

Prima o poi gli utenti si stancano. Presi dalla foga iniziale quando poi le cose cominciano a diventare troppo preziose, ma in realtà non lo sono, allora abbandonano il campo. Così è successo per Clubhouse che in soli due mesi ha perso terreno accusando un drastico calo di download dall’App Store. Sì, perché ad oggi non esiste ancora una versione per Android.

Molti pensano che la sua fine sia meritata. Dai 9,6 milioni di download nel mese di febbraio, Clubhouse è caduta precipitosamente a 2,7 milioni in marzo. Il tonfo lo hanno sentito tutti ad aprile dove i download registrati sono finiti a 922 mila. Nessuno si sarebbe aspettato una fine così triste per questo social network.

Tuttavia un proverbio dice: “Chi è causa del suo mal, pianga sé stesso”. Nella speranza che Clubhouse possa riparare a questi danni, gli ideatori e sviluppatori dovrebbero darsi una mossa per fare qualcosa. Facebook, TwitterInstagram e altri hanno iniziato a inserire nuove funzionalità simili facendo così perdere quell’aura di esclusività a Clubhouse. Inoltre, in aggiunta, c’è anche questa lunga e noiosa attesa che agli utenti di Android non è piaciuta. L’app infatti ancora oggi è solo disponibile per iPhone.

Ad aggiungersi a tutto questo anche la lista di attesa per poter accedere se non si ha un invito. A molti ha ricordato la lunga aspettazione per un esame medico preso con la mutua. Insomma Clubhouse sembra aver mancato il bersaglio sotto diversi aspetti, non da ultimo il dubbio sulla sicurezza e sulla privacy dell’app.

A portare via download sarà forse stata anche la finta Clubhouse per PC sponsorizzata su Facebook?

VIAVia