WhatsApp: due motivi fondamentali per cui gli utenti abbandonano l'app

Ci sono più motivi che portano gli utenti a sottoscrivere determinate applicazioni, qualora ci fosse bisogno di un’iscrizione. In questo caso parlando di WhatsApp non si può fare a meno di dire che si tratta di una delle applicazioni fondamentali all’interno di uno smartphone. Non a caso sono oltre 2 miliardi di utenti che hanno scaricato la piattaforma sul proprio dispositivo mobile, in modo da essere connessi con chiunque nel mondo.

Sono quindi tantissimi i benefici di WhatsApp, soprattutto in quanto app di messaggistica istantanea. Non ci sono costi e sono presenti anche altre opzioni come chiamate e videochiamate, tutto in maniera molto intuitiva. Sono stati tanti gli aggiornamenti che hanno modificato e migliorato l’applicazione durante questi anni, ma nulla è stato in grado di debellare definitivamente le solite truffe.

 

WhatsApp: le truffe esistono ancora, è questo il secondo motivo per cui gli utenti scappano via

Secondo quanto riportato dai dati ufficiali, durante gli ultimi due mesi WhatsApp avrebbe perso qualche utente in più. Il tutto sarebbe dettato dal prossimo aggiornamento che andrà ad influire sui termini e sulle condizioni della privacy. Tutti coloro che hanno deciso di disertare la loro applicazione preferita, si sono trasferiti a Telegram, esattamente come quelli che sono stanchi delle truffe.

In questo caso sono state tante le dichiarazioni da parte del pubblico in merito alla situazione: WhatsApp sarebbe l’applicazione più pieno di truffe in assoluto. Purtroppo la colpa non è da attribuire all’applicazione, la quale sta provando di tutto pur di limitare il fenomeno. Allo stesso tempo è innegabile che tutti gli utenti almeno una volta si siano ritrovati di fronte ad una di queste situazioni.