Hyundai

Hyundai si trova in un incubo e rischia di finire seriamente ko. La multinazionale coreana dovrà affrontare un maxi richiamo auto per ben 82 mila vetture elettriche. I modelli interessati sono Kona e Ioniq. Ecco tutti i dettagli di questo mastodontico recall.

 

Hyundai costretta a un richiamo auto per 82 mila vetture elettriche, il problema? Le batterie

Sarebbero le batterie LG Chem montate su alcune Kona e Ioniq ad aver creato questo problema e obbligato Hyundai a programmare un maxi richiamo auto. In tutto le vetture coinvolte a livello globale dovrebbero essere 82 mila. Circa 76 mila le Kona Electric e la restante parte le Ioniq Electric.

Il pericolo che mette a rischio la sicurezza dei passeggeri è la possibilità degli accumulatori LG Chem di incendiarsi e prendere fuoco durante la ricarica. Sono infatti 15 i casi che sembrerebbero essere stati accertati. Ovviamente l’azienda produttrice di batterie si difende accusando Hyundai di non aver verificato e applicato tutto quanto necessario per il processo di ricarica rapida.

La multinazionale coreana aveva affrontato un problema simile anche lo scorso ottobre per alcune Kona. Tuttavia Hyundai pensava si trattasse di un problema software risolvibile con un normale aggiornamento. Al contrario pare proprio che i problemi siano molto più gravi di quanto previsto e richiedono un intervento massiccio di recall per 82 mila veicoli in tutto il mondo.

Si stima che Hyundai dovrà accollarsi una spesa che potrebbe superare i 2 miliardi di dollari. L’operazione consisterà nella sostituzione delle batterie sui modelli oggetto del richiamo. Tra l’altro i problemi per la casa automobilistica coreana non finiscono qui.

Infatti Hyundai, avendo forse previsto qualche incompatibilità con LG Chem, aveva avviato un processo di accordi per affidare la produzione delle batterie delle sue auto a un’altra azienda. Si trattava della SK Innovation che, a quanto pare, è stata sanzionata dal Dipartimento del Commercio americano per aver rubato informazioni sensibili proprio a LG Chem. Quindi nessun accordo Hyundai e SK Innovation.

FONTEQuattroruote