blank

I sistemi operativi per le Smart TV sono abbastanza chiusi, un esempio è il Tizen di Samsung. Ma c’è un’eccezione: l’Android TV di Google, utilizzato da aziende come Sony o TCL. Ebbene, LG vuole cambiare la situazione e ha appena annunciato che il suo sviluppo webOS si aprirà per raggiungere televisori di terze parti.

Il sistema operativo di cui parliamo è uno dei più interessanti attualmente in commercio, poiché include un’interfaccia grafica molto intuitiva e che viene gestita senza problemi dagli utenti. Inoltre, il numero di applicazioni che include è molto ampio, poiché non manca nessuna delle piattaforme video in streaming esistenti (un esempio è Netflix o Amazon Prime Video). E questo sarà qualcosa che i produttori che useranno webOS d’ora in poi potranno godere.

Un buon numero per iniziare

Come annunciato dallo stesso produttore asiatico, ha formalizzato accordi con un massimo di venti aziende che si trovano nel mercato delle Smart TV, come RCA, Ayonz e Konka in modo che possano utilizzare il loro sistema operativo in modo nativo da ora in poi. In questo modo si cerca un’universalizzazione e che la presenza nel mercato webOS (che LG utilizza dal 2014 nei suoi televisori chiusi) è molto maggiore e in questo modo diventa molto più appetibile per gli sviluppatori di applicazioni. Dai, il modo di agire di Google con Android TV è seguito.

Come è noto, sarà l’interfaccia denominata UX alla sua quinta versione , che è quella attualmente in commercio, ma sì, non dobbiamo dimenticare che LG ha recentemente annunciato la 6.0 nel corso della fiera CES E, a quanto pare , questa opzione è riservata ai propri televisori almeno in un primo momento. Ha senso, certo, ma c’è da aspettarsi che con il passare del tempo e se l’hardware del resto dei produttori si accompagna, venga fornita l’iterazione del sistema operativo recentemente presentato.

La verità è che questa è un’ottima notizia a livello globale, poiché le aziende che hanno il miglior sistema operativo sul mercato possono ottenere molti vantaggi se lo aprono come fa LG. Quindi si tratta di offrire una qualità dell’immagine superiore sui televisori per consentire agli utenti di selezionare l’una o l’altra marca.