dogecoinElon Musk ha annunciato che mira a rendere il Dogecoin la criptovaluta per eccellenza, superando le valute tradizionali e altre criptovalute note come il Bitcoin.

Il CEO di SpaceX e Tesla, che ha superato il fondatore di Amazon Jeff Bezos diventando la persona più ricca del mondo il mese scorso, ha pubblicato diversi tweet in cui critica chi accumula grandi scorte di Dogecoin. Ritiene che siano proprio loro l’unica cosa che impedisce al Dogecoin di diventare una valuta tradizionale. Per Musk è così importante stabilire qual è la valuta più utilizzata poiché vuole renderla a sua volta la valuta ufficiale su Marte.

“Se i principali possessori di Dogecoin vendono la maggior parte delle loro monete, otterranno il mio pieno sostegno”, ha twittato. “Pagherò ognuno di loro se annullano i loro conti”. L’analisi dei portafogli digitali rivela che al mondo c’è qualcuno che possiede più di un quarto di tutti i 128 miliardi di Dogecoin (DOGE) in circolazione.

Dogecoin in continua crescita, il merito è anche di Elon Musk che vuole renderla la criptovaluta più utilizzata

Il saldo di poco più di 36 miliardi in Dogecoin vale oltre 2 miliardi di dollari con la valuta tradizionale. Altri 19 portafogli digitali detengono il 25% di tutti i Dogecoin, il che significa che solo 20 persone possiedono più della metà di tutti i Dogecoin esistenti, supponendo che i portafogli siano di proprietà di individui separati. In risposta ai tweet di Musk, un sostenitore ha replicato: “Dovranno considerare l’ultimatum di Elon. Se non lo fanno, o barano distribuendo le loro monete su più portafogli, allora perdiamo l’approvazione di Elon. Fate la cosa giusta.”

La natura semi-anonima della criptovaluta implica che non è possibile identificare immediatamente i grandi stakeholder, anche se è noto che i creatori del Dogecoin abbiano incassato le loro partecipazioni diversi anni fa prima che decollasse. Il recente aumento dei prezzi ha portato ad un aumento del valore da meno di 0,01 dollari all’inizio dell’anno a un picco di oltre 0,08 dollari la scorsa settimana. Da allora è sceso di nuovo a circa 0,06, ma rimane la tredicesima criptovaluta più preziosa al mondo, con una capitalizzazione di mercato vicina agli 8 miliardi.

Il suo prezzo è stato in parte alimentato dai commenti e meme condivisi da Musk, il cui interesse per la criptovaluta è stato recentemente dimostrato con l’investimento di 1,5 miliardi di dollari di Tesla. “Il risultato più divertente è spesso il più probabile”, ha dichiarato durante una recente sessione di domande e risposte sull’app Clubhouse. Tuttavia, nonostante i fornitori online accettino sempre più pagamenti in criptovaluta, il Dogecoin è ancora molto lontano dal diventare una forma di pagamento tradizionale.