Hyundai DAL-e robot servizio clienti

Hyundai Motor Group ha da poco presentato DAL-e, ovvero il suo primo robot adibito al servizio dei clienti. Si tratta di un dispositivo molto avanzato e sofisticato in grado di comunicare con le persone che gli stanno attorno grazie alla presenza di alcune capacità di riconoscimento e mobilità.

 

Arriva DAL-e, il robot per il servizio clienti di Hyundai

DAL-e è l’acronimo di “Drive you, Assist you, Link with you-experience”, ovvero “ti guido, ti assisto, mi connetto con te” e questo lascia subito intendere il suo fine. Per mezzo di svariate tecnologie supportate dall’intelligenza artificiale, il nuovo robot di Hyundai Motor Group aprirà la strada al futuro dei servizi clienti automatizzati. Come già accennato, questo dispositivo può contare su diverse tecnologie che permettono il riconoscimento di ciò che lo circonda e molto altro.

Grazie all’IA, in particolare, il robot dispone di un sistema di comunicazione automatico basato su una piattaforma di comprensione del linguaggio. Dal punto dei vista della costruzione, il dispositivo dispone di piccole dimensioni non troppo ingombranti e di un peso non esagerato rispetto ad altri device simili (il suo peso è di circa 80 grammi). Oltre a questo, DAL-e è in grado di muoversi liberamente in una stanza, magari per accompagnare e supportare i clienti, grazie a quattro ruote omnidirezionali.

Dong Jin Hyun, Vice Presidente e Capo del Robotics Lab di Hyundai Motor Group, ha così commentato: “DAL-e è una piattaforma di servizi di nuova generazione in grado di offrire in qualsiasi momento un servizio clienti personalizzato. Ci aspettiamo che possa diventare un portavoce capace di fornire ai clienti informazioni coerenti in modo più profondo e personale rispetto ai robot convenzionali. Con continui aggiornamenti e miglioramenti, DAL-e fornirà esperienze fresche e gradevoli ai nostri stimati clienti, in un contesto privo di contatto. Il nostro obiettivo è consentire a Dal-e di impegnarsi in una comunicazione fluida e piacevole con i clienti e di presentare loro servizi di valore”.