Vaccino

Purtroppo la fantasia non manca, ma quando si tratta di raggiri ai danni di persone anziane si trasforma in indecenza. Una nuova truffa sta mettendo in pericolo gli indifesi. Infatti, da quando è iniziata la fase uno, diverse persone anziane sono state contattate per effettuare il vaccino anti covid a casa.

 

Vaccino anti covid a domicilio: ecco la nuova truffa ai danni degli anziani

Si sa che le persone anziane sono la parte più indifesa della società. Vanno coccolate e protette, soprattutto ora che è in corso questa terribile pandemia. Purtroppo però ci sono “mascalzoni” che si approfittano della situazione per inventarsi nuove truffe. È la volta del vaccino a domicilio. In pratica ci sono truffatori che contattano le persone anziane prendendo un appuntamento per la vaccinazione presso la loro abitazione.

È quello che in questi giorni molti utenti stanno segnalando alle Asl territoriali. A loro volta portano all’attenzione l’importanza di non farsi raggirare da queste truffe. Il vaccino anti covid a domicilio sarà un’iniziativa appena successiva alla Fase 1 che vedrà coinvolte quelle persone impossibilitate a muoversi o con gravi difficoltà.

Ecco perché per ora tutte le telefonate volte a prendere questo tipo di appuntamento sono solo truffe. Ciascuna Regione deciderà come attuare questo sistema durante la Fase 2. Il vaccino a domicilio sarà quindi anticipato da istruzioni chiare su come farne richiesta.

Il piano di vaccinale nazionale si sta sviluppando in diverse fasi che vedono protagoniste diverse categorie di persone. Attualmente è in corso la Fase 1. Coloro che stanno ricevendo il vaccino anti covid sono per lo più medici, infermieri e assistenti sanitari. Per vedere nel dettaglio il calendario di tutte le fasi e i destinatari del vaccino basta cliccare su questo link.

Purtroppo non c’è limite a chi, non sapendo fare altro, cerca modi vergognosi per guadagnare la giornata. Ma occorre ricordare che questo modo di fare non si chiama lavoro, ma furto. In ogni sua forma la truffa va condannata, ma quando avviene a danno delle persone indifese come gli anziani è ancora più grave.