Google e Fitbit hanno annunciato che entrambe sono pronte a diventare un’unica azienda. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non approva questa partnership e ha aperto delle indagini.

Il Governo sta verificando se l’acquisizione di Fitbit da parte di Google possa danneggiare la concorrenza e i consumatori. “Abbiamo rispettato l’ampia revisione del DOJ (Dipartimento di Giustizia) negli ultimi 14 mesi. Il periodo di attesa concordato è scaduto senza la loro obiezione“, dichiara un portavoce di Google. “Continuiamo a essere in contatto con loro. Inoltre, ci impegniamo a rispondere a qualsiasi domanda aggiuntiva“.

Tale confusione arriva dal momento che gli utenti Fitbit che avevano cancellato il proprio account prima della potenziale fusione. Nonostante ciò, hanno ricevuto ulteriori e-mail da Fitbit. Non dovrebbe accadere poiché gli utenti hanno dato il loro consenso a FitBit, non a Google, dunque l’unione delle due aziende sembra essere poco trasparente.

Fitbit e Google diventano un’unica azienda, il Governo degli USA indaga sulla trasparenza dell’acquisizione

Google ha acquistato Fitbit per 2,1 miliardi di dollari, sebbene la notizia della fusione abbia sollevato critiche da parte dei critici sulla privacy. Google guadagna la maggior parte dei suoi soldi vendendo annunci in base alle informazioni che raccoglie su miliardi di informazioni e sulla posizione degli utenti. In molti temevano che potesse sfruttare Fitbit per scrutare ancora più a fondo nella vita delle persone. Tuttavia, l’azienda ha concluso una serie di accordi in Europa e in altre parti del mondo promettendo di non utilizzare in modo improprio i dati dei 29 milioni di utenti di Fitbit.

Anche l’Australia non ha ancora approvato l’acquisizione di Fitbit da parte di Google. Il gigante della ricerca ha ottenuto l’approvazione dell’antitrust dell’UE il mese scorso dopo aver accettato le restrizioni su come utilizzerà i dati relativi alla salute dei clienti. Google afferma che separerà i dati degli utenti Google e i dati degli utenti Fitbit e garantirà che gli utenti possano scegliere come gestire tali dati.