Quanti vecchi cellulari giacciono dimenticati in qualche angolo remoto della casa, tra vecchie scartoffie impolverate? Eppure, sono molti i collezionisti alla ricerca di qui modelli che in passato sono stati delle vere e proprie icone tecnologiche, e sarebbero disposti anche a pagare una gran bella somma per poter avere nuovamente tra le mani un cellulare vintage.

Chi ha conservato nel cassetto un vecchio cellulare degli anni Novanta o dei primi Duemila, farebbe bene ad aprire tale cassetto, poiché potrebbe ricavarci una fortuna. Già dando un’occhiata al sito VintageMobile si potrà capire quanto viene attualmente valutato un determinato cellulare.

Cellulari vintage, i modelli più pagati e desiderati dai collezionisti

Sulla base di ciò, ecco alcuni cellulari d’epoca che, se tenuti in ottime condizioni e completi di tutti gli accessori originali, oggi possono fruttarti un bel po’ di soldi.
  • Tra i vecchi cellulari più desiderati e pagati in assoluto, c’è il Motorola DynaTAC 8000x del 1984, del quale furono venduti solo trecentomila esemplari in tutto il mondo. Oggi, un Motorola DynaTAC 8000x funzionante viene valutato circa 1.000 euro.
  • Un po’ più recente, è l’iPhone 2G. Il suo valore oscilla tra i 300 ed i 1.000 euro, ma ciò varia anche in base alle condizioni del dispositivo.
  • Un Ericsson T10 funzionante e in buone condizioni estetiche può arrivare a valere 2.000 euro.
  • Nokia 9000 (1996), il primo modello della serie Communicator con il suo design iconico dotato di tastiera QWERTY. Può essere valutato fino a 500 euro.
  • Motorola StarTAC è stato il primo cellulare a conchiglia, un form factor che le aziende stanno cercando di riportare in auge in questi ultimi mesi. Può essere valutato fino a 500 euro.
  • L’intramontabile Nokia 3310, il cellulare indistruttibile. E’ stato uno dei cellulari più venduti al mondo, con 126 milioni di esemplari venduti. Può essere valutato fino a 130 euro.