Diesel

Il mondo delle automobili ha visto in questi ultimi anni un’ascesa a dir poco prepotente da parte delle auto elettriche, le vetture ad elettroni infatti hanno saputo ritagliarsi un’importante fetta del mercato unendo funzionalità ed efficienza, caratteristiche che hanno saputo conquistare gli acquirenti i quali non si aspettavano un risultato così positivo rimanendo a dir poco entusiasti.

Tutto ciò ha ovviamente portato a una crescita esponenziale del mercato delle auto elettriche, obbligando le case automobilistiche a progettare modelli sempre più nuovi e avanzati in quella che si è delineata essere una gara bandiere verdi verso il mercato.

Proprio quest’ultimo è la prova definitiva per ogni automobile neo progettata, esso però, continua nonostante le ottime caratteristiche delle auto elettriche, a eleggere come vincitore sua maestà il diesel, il quale risulta ancora la scelta d’elezione per la stragrande maggioranza dei clienti che, nonostante le ottime caratteristiche delle auto elettriche continuano ad affidarsi al motore di vecchia concezione.

Ecco i motivi che rendono il diesel il top

I motivi che rendono il diesel la scelta preferita dalla maggior parte degli utenti sono vari, essi però fanno capo ad un unico denominatore comune, il fattore economico, le auto elettriche infatti dal momento che si basano su una tecnologia relativamente nuova, presentano dei costi, da quello di listino a quello di gestione e manutenzione decisamente più elevati rispetto a quelli del motore diesel, il quale in quanto basato su una tecnologia decisamente più collaudata oltre a presentare i prezzi più bassi, presenta anche dei costi di manutenzione molto ridotti, questo poiché presenta anche un numero minore di guasti durante l’arco di vita del prodotto.

Ciò dunque, nonostante i numerosi incentivi banditi dai vari governi, continua a elevare il diesel al di sopra di tutte le alternative, rendendolo al momento la scelta preferita dalla stragrande maggioranza degli utenti che, tengono sicuramente alla salute dell’ambiente ma devono tirare i conti con la salute del proprio portafogli.