fondo-perduto-ristori

Il Decreto Ristori è una misura stabilita dal governo in questa nuova fase di emergenza da Covid. Le aziende che ne usufruiscono riceveranno un contributo a fondo perduto, traverso un bonifico effettuato dall’agenzia delle entrate. In un articolo della scorsa settimana parlavamo di come effettuare la domanda e delle tempistiche per la ricezione della quota. Il ministro dell’economia Gualtieri, aveva garantito tempi brevi. Tutti coloro che hanno già ricevuto il fondo del Decreto Rilancio, dovrebbero ricevere un bonifico sul proprio conto corrente entro il 15 Novembre. Diceva il vero, poiché il Governo ha effettuato oltre 211mila bonifici.

Fondo perduto del Decreto Ristori: 211mila bonifici già effettuati

Questi primi mandati di pagamento hanno già il valore di 1 miliardo di euro. 726 milioni di questo fondo sono stati mandati a bar, pasticcerie, ristoranti e gelaterie. Termini più dettagliati la cifra esatta in questo momento è pari a 964,8 milioni di euro a favore di 211.488 imprese. L’Agenzia delle Entrate ha fornito una tabella dettagliata in cui sono riportate tutte le cifre elargite, regione per regione, fino a oggi. I cerca 25 milioni di euro rimanenti, inclusi in questa prima cifra di bonifici, riguarda invece settori come quello sportivo o operatori per l’ospitalità.

Questa prima erogazione dei contributi ha raggiunto dei tempi record. In soli nove giorni, infatti, il Governo ha emanato il decreto e dato il via alla distribuzione del fondo perduto. Ciò è stato possibile grazie alla procedura informatica gestita dal partner tecnologico Sogei. I contribuenti non hanno dovuto adempire a nessuna richiesta per ottenere il fondo. Avevano infatti già effettuato domanda ai tempi del decreto rilancio. Il resto dei bonifici, secondo le garanzie del Governo, saranno effettuati entro la metà di dicembre.