blank

Continuano le innovazioni del mondo tecnologico del Friuli Venezia Giulia in risposta all’emergenza sanitaria del Coronavirus, in questo caso l’impresa friulana, Eurotech, ha formulato un nuovo congegno, etichettato come “MaskLip”.

Conosciamo meglio la MaskLip, ennesimo progetto innovativo della Eurotech

Si tratta di un piccolo dispositivo, della grandezza di una spilla o nelle loro parole di un “fermacravatta”; al suo interno una moltitudine di sensori connesse a un’intelligenza artificiale rileva come viene utilizzata la mascherina, comunicando all’utente se è posizionata in maniera corretta.

Grazie a un alto numero di sensori di cui dispone e all’intelligenza artificiale di cui è dotato, MaskLip raccoglie dati e li invia a un calcolatore che emette un risultato, consultabile attraverso una app. Questa indica se, appunto, la mascherina non è indossata correttamente e se è giunto il momento di sostituirla.

Eurotech nel periodo lookdown ha creato numerosi dispositivi legati al contrasto e al controllo della pandemia, come il portale contapersone, che controlla la temperatura e un dispositivo che riconosce se il soggetto indossa o no la mascherina. Al momento e da qualche tempo, Revid 19 è in uso dall’associazione Allergie e Pneumopatie infantile Alpi Odv di Udine, e da Mario Canciani, pneumologo di fama internazionale e presidente dell’Alpi Odv“.

«Ci siamo messi a disposizione della collettività – spiega Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech – in un momento di grande necessità di tipo sanitario e sociale. Il nostro segmento dedicato alla Ricerca, si è dato da fare per sviluppare dispositivi utili alla comunità globale. Fra i nostri scopi vi è l’uso della tecnologia applicata anche al settore medicale. È parte della nostra mission il miglioramento della qualità di vita, in special modo in epoca di pandemia, dove appunto la qualità del nostro vivere quotidiano è messa a dura prova».