radiazioni smartphone

Non trascuriamo la nostra sicurezza. Uno degli argomenti di cui spesso abbiamo la tendenza a trascurare è proprio quello che vira attorno alle radiazioni degli smartphone. Usando spesso durante il quotidiano questi dispositivi, siamo per lunghe ore esposti ad un numero di radiazioni estremamente alto. Cosa importante da specificare prima di continuare: non c’è correlazione tra uso degli smartphone e tumori. Dunque, da questo punto di vista, potete stare tranquilli. Tuttavia, c’è da stare attenti ad altri fattori.

C’è un ufficio in Germania, detto Ufficio Federale Tedesco, che si occupa propria di tenere in allerta i consumatori circa i possibili danni che possono portare le radiazioni. Il nome in lingua madre di questo particolare ufficio è Bundesamt Fur Strahlenschutzed ha condotto un numero di studi davvero molto approfondito circa la quantità di radiazioni che può emettere uno smartphone. Infatti, hanno stilato una lista di dispositivi che emettono più radiazioni in assoluto. Scopriamo quali sono di seguito.

Radiazioni smartphone: i cellulari più e meno a rischio

I telefoni di questa particolare lista, supererebbero il doppio dello standard da loro prefissato, riguardante la quantità limite di radiazioni che un dispositivo è capace di emettere:

  • Xiaomi Mi A1
  • Xiaomi Mi Max 3
  • OnePlus 6T
  • HTC U12 life
  • Xiaomi Mi Mix 3
  • Xperia XA2 Plus
  • Google Pixel 3 XL
  • Xiaomi Mi 9/9 SE
  • iPhone 7
  • Xperia XZ1 Compact
  • HTC Desire 12/12+
  • Xiaomi Mi 9T
  • Google Pixel 3
  • iPhone 8
  • Xiaomi Redmi Note 5
  • Zte Axon 7 mini

Questi invece sono gli smartphone che emettono una quantità di onde elettromagnetiche nettamente più basso:

  • Zte Axon Elite
  • Samsung Galaxy Note 8
  • Samsung Galaxy Note 10+
  • Nokia 6
  • Samsung Galaxy Note 10
  • Nokia 8
  • Nokia 3.2
  • Nokia 2
  • LG G7 ThinQ
  • Samsung Galaxy A8
  • Samsung Galaxy M20
  • Nokia 7.1
  • Honor 7A
  • Samsung Galaxy S10
  • Samsung Galaxy S8+
  • Samsung Galaxy S7 Edge

Se osserviamo attentamente entrambe le liste, vediamo che marche importanti come iPhone e Xiaomi, purtroppo si configurano nella prima lista, anche più di una volta. Invece, nella seconda lista, notiamo che i telefoni di casa Samsung compaiono tra i modelli a basse radiazioni con 8 modelli su 16.