bollettePrevisto, a partire da ottobre, un aumento delle bollette di luce e gas; Le spese legate ai consumi domestici dovrebbero subire un’impennata a due cifre con le tariffe che aumenteranno del 15,6% per la luce dell’11,4% per il gas. Gli aumenti tuttavia sono una normale conseguenza degli alleggerimenti fiscali degli ultimi mesi, quelli dovuti al lockdown e alla pandemia di coronavirus.

Prendendo in esame il secondo trimestre del 2020 infatti si può notare come i costi dei servizi di gas e elettricità siano calati del 13,5% e del 18,3%. Questi aumenti dunque sono un normale rimbalzo per cercare di normalizzare i prezzi delle utenze. Malgrado l’aumento comunque i costi non dovrebbero raggiungere quelli del periodo pre covid, pur avvicinandosi.

Bollette: gli effetti su consumatori e famiglie

 

Malgrado i rincari previsti, al netto delle precedenti detrazioni, si calcola un risparmio per i contribuenti di circa 207 euro annui rispetto al 2019. Una famiglia media dovrebbe dunque spendere circa 485 euro, con un calo del 13,2% rispetto all’anno precedente. Discorso simile per il gas che, al netto di una spesa di 975 euro, dovrebbe garantire un risparmio annuo di circa il 12%.

A schierarsi contro i rincari il codacons; l’ente ha dichiarato: “Una vera e propria batosta per i consumatori italiani, con aumenti record delle tariffe luce e gas che peseranno come un macigno sulla spesa energetica delle famiglie. Questo avrà effetti negativi diretti sui bilanci delle famiglie, con maggiore danno per i nuclei più numerosi, proprio in un momento in cui si registrano difficolta economiche per una larga fetta di popolazione a causa dell’emergenza Covid”.