banche-italiane

Di certo quest’ultimo periodo per i titolari di un conto corrente è stato davvero movimentato, sia per le necessità derivate dalla pandemia di Coronavirus, sia per la prepotente voce circolante in merito alla possibilità della chiusura unilaterale del conto da parte dell’istituto bancario.

A quanto pare però è finalmente arrivata la notizia che farà tirare un respiro di sollievo a tutti i correntisti impegnati in un conto bancario e che magari, proprio a fronte dell’epidemia appena passata, stavano attraversando un periodo finanziario non proprio idilliaco.

Banche, ecco la vittoria del popolo cliente e correntista

A quanto apre siamo di fronte ad un vero e proprio capovolgimento dello scenario precedentemente designato, infatti il timore della chiusura unilaterale del conto ora sarà solo un brutto ricordo, il nuovo disegno di Legge infatti, offre maggiore tutela ai clienti e impedisce alla banca di stralciare il contratto stipulato.

Nel dettaglio stiamo parlando del Disegno di Legge 1712 attualmente in discussione presso la Commissione Finanze del Senato e che prevederà delle importanti novità per quanto riguarda le carte di pagamento e i conti correnti, mirando ad escludere il diritto di recesso delle banche sui rapporti a tempo determinato ed indeterminato.

Ciò in parole povere si traduce nell’impossibilità della banca di chiudere un conto perchè poco movimentato o non redditizio, stesso discorso applicabile anche alle carte di pagamento ed entrambi validi solo ad una condizione, ovvero che su entrambi sia presente un saldo positivo, così avrete garanzia assoluta di non chiusura del conto corrente.

Si tratta certamente di una grande notizia che altro non può fare se non bene al morale degli italiani, usciti a pezzi dalla pandemia.