IPTV: la Serie A disponibile al completo ma i rischi sono davvero enormi

Ogni tentativo della pirateria di prendersi gli utenti dei vari licenziatari sembra poter andare a buon fine se si tratta dell’IPTV. L’ultima declinazione del mondo pirata ha infatti colpito tantissimi utenti, anche quelli meno votati a trasgredire le regole. Durante gli ultimi tempi però i controlli sono di molto aumentati, mettendo tutti in condizione di guardarsi le spalle. La legge ormai non intende più transigere, e proprio per questo diverse persone sarebbero finite in manette colpevoli di aver venduto il servizio.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: avere un abbonamento pirata può comportare diversi guai con la legge

L’IPTV potrebbe portarvi alla rovina, visto che la legge ha intensificato i controlli. Tutti coloro che utilizzano il servizio e finiscono nelle mani della legge possono infatti ricevere una multa da pagare davvero molto salata. Coloro che invece vengono il servizio finiranno in manette, mentre tutti saranno obbligati a consegnare alle forze dell’ordine i dispositivi utilizzati per la visione.

“L’illecita attività – dichiara la Guardia di finanza in un comunicato ufficiale – fa riferimento alla moderna metodologia di distribuzione di vari contenuti multimediali, la cosiddetta Iptv (Internet Protocol Television), attraverso cui i “pirati del web” acquisiscono e ricodificano tutti i palinsesti televisivi delle maggiori piattaforme a pagamento per poi distribuirli sulla rete internet, sotto forma di un flusso di dati ricevibile, dagli utenti fruitori, con la sottoscrizione di un abbonamento illecito ed un semplice PC, tablet, smartphone o decoder connesso alla rete”.