streamingProgettato un nuovo standard di codifica che dimezza l’utilizzo dei dati. Il merito è di un istituto che sviluppa reti di comunicazione a banda larga e sistemi multimediali. In passato quest’istituto ha creato il formato MP3. Adesso ha reso possibile vedere contenuti in streaming con connessione due volte più veloce grazie al 4K.

L’azienda vanta collaborazioni con Apple, Ericsson, Intel, Huawei, Microsoft, Qualcomm e Sony. Il nuovo codec migliora la compressione, il che significa che i requisiti di dati per lo streaming e l’archiviazione di tutte le risoluzioni video – dalla definizione standard a quella 4K e 8K – possono essere ridotti della metà. Questo rispetto al precedente standard H.265, noto anche come High Efficiency Video Coding (HEVC).

L’istituto afferma che questo nuovo standard richiede solo 5 GB di dati per trasmettere un video in Ultra High Definition (4K) di 90 minuti, mentre lo standard precedente richiederebbe 10 GB. Molte zone in Italia non godono ancora di una connessione veloce e servizi in 4K. I televisori in grado di riprodurre contenuti con una tale risoluzione sono costosi.

Streaming in 4K: connessione e riproduzione dei contenuti nettamente più veloci

“Siamo orgogliosi di aver contribuito allo sviluppo di H.266 / VVC”, afferma Benjamin Bross. “A causa del salto di qualità nell’efficienza di codifica offerto da H.266 / VVC, l’uso del formato video aumenterà ulteriormente in tutto il mondo. Inoltre, la maggiore versatilità di H.266 / VVC rende il suo utilizzo più attraente per una più ampia gamma di applicazioni relative alla trasmissione e alla memorizzazione di video.”

Tuttavia, questo non è l’unico standard esistente per la codifica video, e non è ancora chiaro come coesisteranno tutti i differenti standard. Google, che è in particolare assente dall’elenco dei partner di questa società, ha sviluppato il proprio formato chiamato VP9, per codificare i video di YouTube, inizialmente rilasciato nel 2013. Anche Samsung, Netflix, Mozilla, Tencent, Adobe e VLC supportano il nuovo codec.