La piattaforma di e-commerce Amazon è conosciuta in tutto il mondo grazie ai milioni di prodotti proposti e al prezzo molto competitivo. Ovviamente al momento della sua partenza il colosso non era così “in voga”.

La sua storia nasce il 5 luglio 1994, quando Jeff Bezos deciso di abbandonare il proprio lavoro nel settore finanziario a Wall Street per spostarsi con la moglie nella costa ovest.

 

Amazon: alcune curiosità che sicuramente non conoscete

Jeff Bezos cominciò, una volta arrivato sulla costa ovest, a dare vita alla compagnia, dedicata alla vendita di libri online, nonostante il suo sogno fosse quello di raggiungere ogni parte del mondo, inizialmente il suo mercato era molto ridotto. I primi utili arrivarono solamente dopo ben 7 anni, nel 2001. Da quel momento la piattaforma non ha fatto altro che crescere, arrivando dove è ora.

Lo sapete che inizialmente Bezos voleva chiamare la propria piattaforma Cadabra?. Uno dei suoi consulenti però gli fece notare come il termine fosse tristemente simile a «cadaver», ovvero cadavere. Da qui la scelta Amazon, un nome con la prima lettera dell’alfabeto, in modo da comparire ai primi posti negli elenchi e allo stesso tempo imponente come il Rio delle Amazzoni. L’attuale logo rappresenta una linea curva arancione, posta sotto il nome. La linea è considerata anche come un sorriso o una freccia che parte dalla A e arriva alla lettera Z.

Proprio come alcuni suoi colleghi, Jeff Bezos aprì il suo primo ufficio all’interno di uno spazio ristretto e lui con sua moglie gestivano in prima persona ogni ambito, dalla contabilità alle spedizioni. Il servizio Amazon Prime debuttò solamente nel 2005 e inizialmente è nato per garantire le consegne entro due giorni negli Stati Uniti ed eliminare quindi i costi di spedizione. In Italia è arrivato solamente nel 2011. L’unico flop a cui è andata incontro la piattaforma è stato il Fire Phone lanciato nel 2014.