amazon

Mentre Amazon è stato impegnato a gestire le proteste dei dipendenti, le chiusure dei magazzini, le indagini e un aumento della domanda, i dipendenti hanno lavorato dietro le quinte per sviluppare scudi facciali per i lavoratori in prima linea degli Stati Uniti. Fino ad oggi, Amazon ha donato quasi 10.000 scudi e, nelle prossime settimane, prevede di renderne disponibili centinaia di migliaia sul proprio sito.

Secondo un post di un blog, all’inizio di marzo, un manager del programma di Amazon si è unito a un gruppo di produttori nello Stato di Washington i quali stavano stampando in 3D maschere facciali per i lavoratori in prima linea. Il gruppo aveva sviluppato il proprio progetto e stava assemblando gli scudi a mano nelle loro case e uffici. Il dipendente di Amazon ha chiesto aiuto ai colleghi di Prime Air e presto un team di Amazon ha perfezionato il design dello scudo facciale.

 

Amazon: gli scudi hanno ricevuto l’approvazione per essere venduti

Hanno ottimizzato gli schermi facciali per la stampa 3D e lo stampaggio ad iniezione. Si sono assicurati che il prodotto fosse leggero e confortevole. Il design open source è ora disponibile a chiunque con tanto di approvazione dal National Institute of Health (NIH).

Ha scritto Amazon: “A causa delle innovazioni progettuali e delle capacità della nostra catena di approvvigionamento, siamo certi che saremo in grado di elencarli a un prezzo significativamente più basso rispetto a tutti gli altri schermi riutilizzabili attualmente disponibili per i lavoratori in prima linea

Gli scudi dovrebbero essere presto disponibili sul sito. La società afferma di voler dare la priorità ai lavoratori in prima linea e renderli infine disponibili a tutti i clienti.