Amazon

Ecco un nuovo “caso Amazon“. Un dipendente afferma di essere stato licenziato dalla compagnia dopo aver guidato una protesta chiedendo di lanciare misure più efficaci per proteggere i dipendenti. In un’intervista con Bloomberg, Chris Smalls, ex vicedirettore presso il centro logistico Amazon di Staten Island, USA, ha dichiarato che lunedì lui e oltre 60 colleghi hanno lasciato il posto di lavoro per protestare e chiedere ad Amazon di chiudere il centro per una pulizia adeguata.

Dopo la protesta, Smalls è stato licenziato. Questa è stata l’ultima di una serie di esternazioni relative al coronavirus tenute dai dipendenti Amazon. Secondo Smalls, al personale non sono stati forniti adeguati dispositivi di protezione e molti hanno paura di contrarre il virus e diffonderlo alle loro famiglie. I manifestanti affermano che ad alcuni loro colleghi è stato diagnosticato il COVID-19.

 

Amazon risponde alla accuse, ma sembrano non convincere tutti

Amazon ha confermato di aver licenziato Smalls, ma afferma di averlo fatto perché ha violato le regole di sicurezza, incluso il mancato autoisolamento dopo essere stato esposto a un collega con un caso confermato del virus. In una dichiarazione rilasciata a Bloomberg, Amazon ha dichiarato: “Mr. Smalls ha ricevuto numerosi avvertimenti per aver violato le linee guida sul distanziamento sociale e messo a rischio la sicurezza degli altri. È stato invitato a rimanere a casa con la paga per 14 giorni. Nonostante le istruzioni per rimanere a casa con i salari, è arrivato sul posto oggi mettendo ulteriormente a rischio le squadre“.

La società ha anche contestato il numero di dipendenti coinvolti nella protesta di lunedì, sostenendo che solo 15 persone della struttura ne hanno preso parte. Smalls ha definito la risposta di Amazon “ridicola” e ha dichiarato nell’intervista TV che “Poiché ho cercato di difendere qualcosa che è giusto, la società ha deciso di vendicarsi contro di me“. Ha aggiunto: “Continuerò ancora a lottare per quelle persone che sono ancora all’interno dell’edificio“.

Il procuratore generale di New York Letitia James è intervenuto con delle dichiarazioni molto forti. James ha anche chiesto l’intervento del National Labor Relations Board per far sì che scattino delle indagini contro Amazon.