mascherineLa “caccia” alle mascherine è stata aperta ormai due mesi fa, gli utenti continuano a cercare in lungo e in largo il modello maggiormente adatto alle proprie esigenze, dovendo destreggiarsi tra prezzi decisamente maggiorati rispetto alla normalità.

La via più intrapresa dalla community consiste nell’acquisto di mascherine con invio diretto dalla Cina, sfortunatamente i tempi di attesa sono lunghissimi e, nella maggior parte dei casi almeno, la certificazione è ben lontana da quella che dovrebbero avere. Il migliore modello in assoluto, con conseguente prezzo maggiorato rispetto ai suddetti, è la Guardian G-Volt; grazie ad una speciale tecnologia e strategia, infatti, pare esse in grado di eliminare fino al 99% di batterivirus e germi.

 

Mascherine: cosa differenzia la Guardian G-Volt dalle altre?

La Guardian G-Volt viene prodotta da LIGC Applications, integra il grafene, un materiale conosciuto per le sue proprietà contro i batterie, come sistema di filtraggio dell’aria. In questo modo la mascherina riesce a intrappolare i batteri tra le maglie, per poi rilasciare una scarica elettrica bassa tensione (ovviamente senza alcun effetto sull’utilizzatore finale), in grado di distruggere il 99% dei batteri di dimensioni maggiori agli 0,3 micron, e l’80% dei virus ancora più piccoli.

Chiaramente è un dispositivo molto più costoso delle normali mascherine chirurgiche, oltre che essere completamente elettronico, sarà infatti necessario ricaricarla tramite il cavo USB che è possibile trovare direttamente in confezione.

L’idea è davvero apprezzabile ed unica nel suo genere, ma è anche vero che stiamo parlando di un modello ancora in fase di progettazione, per la cui entrata in commercio dovremo attendere altro tempo.