Il nuovo Coronavirus circolante sembra proprio non voler dare un attimo di tregua alla Cina, infatti negli ultimi giorni abbiamo assistito ad un crollo a dir poco repentino della stabilità del paese.

L’epidemia ha infatti destabilizzato l’ambiente, a causa delle numerose infezioni potenzialmente letali che continuano ad aumentare.

Per chi non ne fosse a conoscenza, il Coronavirus è un patogeno virale a RNA positivo, dotato di un involucro pericapsidico protettivo a forma di corona (da qui appunto il nome), contenente il nucleocapside di forma elicoidale.

Esso può essere responsabile di pesanti patologie infiammatore delle vie aeree come la SARS (Severe acute respiratory syndrome), non disdegna però anche i reni, potendo provocare appunto insufficienza renale.

Non c’è tregua per la Cina

A quanto pare nemmeno gli eSports ne sono usciti illesi, infatti il campionato di League of Legends in programma il 5 febbraio, ha subito un rinvio a data di destinarsi proprio a causa dell’attuale stato della nazione, piegata sotto i colpi incessanti del virus.

A farlo sapere è stato proprio il profilo Twitter ufficiale della competizione, che attraverso un tweet, ha dichiarato di voler attendere fino a quando la sicurezza dei giocatori non potrà essere garantita al 100%.

Di certo una decisione saggia e forse scontata, a fronte del dramma vissuto dal popolo cinese, infatti secondo i dati della BBC, la conta degli infatti ha raggiunto quota 2000, mentre la conta dei morti è a 56.

Non rimane dunque che attendere gli sviluppi della questione, nella speranza che l’epidemia venga presto domata e la salute delle persone messa nuovamente al sicuro.