enelENEL è una delle più eccellenti realtà nazionali nel contesto della fornitura di energia elettrica. Proprio per la sua popolarità viene indebitamente sfruttata per perpetrare truffe ai danni dei poveri clienti. I più incoscienti hanno creduto che una email potesse regalare loro ipotetici rimborsi. Dietro, invece, non c’è la società ma un manipolo di manigoldi il cui scopo è quello di rubare denaro al prossimo una volta ottenuti i dati bancari.

 

ENEL ti rimborsa: attenti al messaggio compromettente

Piuttosto facile cadere nella rete dei truffatori dopo aver letto una mail con mittente ENEL Energia. Nessuno sospetta che si possa trattare di una manovra finalizzata a frodare il prossimo. Si riceve una notifica con una allerta che mette in guardia sulla possibilità di ricevere un presunto conguaglio. Le spese sostenute per la luce sono state eccessive e per questo tocca accedere ad un link allegato per una URL che garantisce la restituzione del denaro versato in eccesso.

Si compila un semplice form online, ossia un questionario conoscitivo e di dettaglio per quel che riguarda gli estremi bancari su cui saranno versati gli ipotetici benefit maturati dal nuovo conteggio. In realtà accade tutt’altro. La fake news viene confermata quasi subito dal momento che i soldi spariscono da conto corrente, carte di credito e prepagate usate per domiciliare le bollette.

Consigliamo sempre di informarsi bene presso il proprio fornitore di servizi e tramite i canali social della Polizia Postale (riferimento: “Una vita da Social” su Facebook). Inoltre consigliamo di denunciare l’accaduto e cestinare poi il messaggio con effetto perentorio onde evitare altri guai e la tentazione di cliccare sul collegamento contraffatto.

Nel frattempo è di grande interesse la vicenda dei contatori truccati dei quali abbiamo recentemente parlato dopo il blitz della Polizia da Nord a Sud dell’Italia.