MediaTek ha chiuso il proprio 2019 con la presentazione del processore di fascia alta Destiny 1000, seguito pochi giorni dopo dal fratello minore di fascia media Destiny 800, un modo per avvisare il mercato di un prepotente ritorno in campo dopo un paio d’anni nell’ombra di Qualcomm e altri competitor.

Questa filosofia aziendale potrebbe concretizzarsi nell’annuncio di un chip di fascia media per gli smartphone da gaming, infatti a detta di Yenchi Lee di MediaTek, intervistato da Android Authority, la società pare stia per lanciare sul mercato un chip che si posizionerà al di sotto dei top della serie Helio G90 e G90T, con prestazioni si inferiori ma comunque in grado di offrire un’esperienza di gioco soddisfacente.

Un chip “umile” ma competitivo

Secondo le indiscrezioni il processore in questione potrebbe essere l’Helio G70, già avvistato in qualche rumor di fine 2019, esso potrebbe essere composto da una CPU octa-core articolata in 2 Cortex-A75 e 6 Cortex-A55, supportati da una GPU  Mali-G52 MC2.

Una composizione da cui si evince un ottimo rapporto prestazioni consumi, grazie alla dotazione di Cortex-A55 non energivori, supportati dai fratelli maggiori a più alte prestazioni Cortex-A75, accoppiata che dovrebbe garantire ottime prestazioni (non eccezionali) senza depauperare la batteria dello smartphone.

Una scelta che rimarca la filosofia di MediaTek, ovvero quella di accoppiare dei mosaici di CPU per ottenere delle soluzioni variegate adatte a migliorare e definire le fasce di prestazioni di ogni prodotto.

Come se non bastasse Lee ha anche dato conferme riguardo il progetto dell’azienda inerente la produzione di un SoC a tre cluster di CPU, con l’implemento di un sistema di aggiornamento drivers direttamente dal Play Store, scelta simile a quella di Qualcomm.