blank

Le cuffie ormai ci accompagnano sia dentro che fuori casa, la musica diventa sempre più fondamentale per lavoro o per svago, anche durante lo sport. Per questo JBL ha ben pensato di creare delle cuffie per coloro, un pò sbadati, o che semplicemente non fanno in tempo a caricare le cuffie, proprio quest’ultime che si alimentano mediante energia solare.

JBL: la ricarica grazie al sole

L’arco delle nuove cuffie della JBL sono assolutamente rivoluzionarie poiché sono perfette per chi non si ricorda di ricaricarle mediante cavetto o base wireless, ma anche per chi fa tanto sport da scaricarle quasi del tutto. Infatti esse hanno la parità di ricaricarsi mediante la luce solare e riprodurre un pò il fenomeno tipico delle piante, ovvero la fotosintesi.

Sperate quindi spesso nelle bene giornata, perché la durata di queste cuffie sfiora l’assurdo: quasi 170 ore con sole due ore sotto i raggi solari. Niente paura, esse si ricaricano anche quando è nuvoloso o semplicemente sotto la luce artificiale di casa vostra.

L’archetto va un pò come le piante, segue il recesso naturale della fotosintesi; questo risultato è da definirsi tale e in pieno successo grazie alla ricerca svolta da Exerger, che ha trasformato queste cuffie in una fotosintesi un pò più tecnologica, andando a riprodurre il processo del fotovoltaico che permette la conversione dei fotoni in semplice energia, esattamente la reazione che hanno tutte le piante al sole.

Se questa caratteristica non vi basta, JBL unta sulle funzione che ormai tutti vogliamo, ovvero il supporto vocale dei due assistenti più amati: Google e Alexa. Il prezzo è ESPLOSIVO: si dice poco sotto i 70 Euro, ma non si sa ancora nulla per i modelli da 90 e 116 Euro.