PostePayTorna a fare paura il fenomeno del phishing che investe ora i clienti con carta PostePay. Non si fa eccezione tra la versione Standard e la più moderna Evolution. Il risultato è che in ogni caso di verifica lo svuota conto per una manovra che ruba credenziali di accesso ai conti. Si parla di una vera e propria truffa che non sta risparmiando nessuno.

 

Phishing PostePay: dopo la clonazione delle carte il pericoloso arriva da Internet

Un semplice messaggio di posta elettronica può rappresentare un rischio serio per i milioni di italiani che usano carte PostePay. La differenza rispetto alla procedura di clonazione consiste nel fatto che siamo noi, contro la nostra volontà, a prendere l’iniziativa per scatenare l’attacco. Il malvivente non ha bisogno di averci vicino e tutto passa per la rete.

Arriva una email sospetta che si scopre tale solo da parte di un occhio esperto. I meno sospettosi aprono il messaggio e cliccano sul link allegato che altro non è che un altro attacco. Si parla di pharming, termine coniato per indicare un sito copiato e strutturato per essere uguale all’originale ma con qualcosa in più. Questa cosa in più è un form che fa capo ad un server dove vengono salvati i dati richiesti. Questi saranno usati dal criminale per prelevare e sviare i fondi su altri conti esterni.

La medesima cosa può avvenire via SMS apparendo in questo caso più credibile per via dell’associazione del numero di telefono all’utente. Il fenomeno è preoccupante, tanto che phishing e smishing rappresentano la causa numero uno di attacco informatico in Italia e nel mondo.

Per difendersi basta NON APRIRE le email o gli SMS provenienti da banche ed altri istituti pubblici e privati legati al mondo finanziario. Non utilizzano questi metodi di contatto in nessun caso. Meglio chiedere ulteriori info al proprio fornitore di servizi prima di incorrere in guai piuttosto seri.