antico-egitto

Una grande ed incredibile scoperta è stata effettuata in Egitto dove, a seguito di nuovi scavi ed indagini portate avanti, una nuova mummia è emersa lasciando tutti gli studiosi e gli appassionati stupiti. Questa volta si può di un vero e proprio caso speciale visto che le spoglie ritrovate non appartengono ad un umano, ma bensì ad un animale di grosse dimensioni. Confermata la notizia da parte del Ministero delle Antichità egiziano, la scoperta è avvenuta negli scavi di Saqqara dove gli archeologi sono all’opera in una necropoli posizionata nei pr sei della piramide di Djoser.

Egitto: l’animale rinvenuto mummificato è un leone

Come ben noto, gli abitanti dell’antico Egitto sono sempre stati soliti mummificare animali: ancora oggi nei musei che ospitano le mummie è possibile ammirare quelle di gatti e coccodrilli perfettamente conservate. Questa volta, però, il ritrovamento è davvero particolare visto che si tratta di un leone o di una leonessa. Attualmente, per confermare la specie dell’animale, sono in atto dei test, i quali presto potranno fornire ulteriori informazioni. Se essi risultassero positivi, gli archeologi potrebbero iniziare a ritenere, assieme ai gatti, ibis e altri animali anche i leoni sacri per gli egiziani. Come mai? Beh, questo non il primo e vero caso di ritrovamento di un leone, ma bensì capito lo stesso nel 2004 andando così a creare un precedente.

In ogni caso, il leone non è una figura sconosciuta: anche molti disegni templari li rappresentano accanto ai faraoni, quali Ramses II e III che diedero loro anche nomi molto violenti in vista dei combattimenti affrontati in guerra.