Il primo aereo sperimentale completamente elettrico della NASA, noto anche come piano X, è arrivato al Armstrong Flight Research Center dell’agenzia di Edwards, in California.

L’X-57 è stato consegnato da Empirical Systems Aerospace (ESAero), che ha sede in California. La NASA afferma che i ricercatori lo useranno per dimostrare i benefici che la propulsione elettrica può avere per emissioni, efficienza e rumore.

 

NASA: l’importanza per gli ingenieri del nuovo aereo X-57

La consegna è una pietra miliare per gli ingegneri della NASA. Saranno in grado di iniziare a sottoporre l’aereo a prove a terra e poi a prove di volo. Il veicolo Mod II dell’X-57 prevede la sostituzione dei tradizionali motori a combustione su un velivolo Tecnam P2006T di base con motori elettrici, secondo la NASA.

La consegna del velivolo X-57 Mod II alla NASA è un evento significativo, che segna l’inizio di una nuova fase in questo entusiasmante progetto di aereo elettrico X. Con l’aereo in nostro possesso, il team X-57 eseguirà presto test approfonditi a terra del sistema di propulsione elettrica integrato per garantire che l’aeromobile sia aeronautico“, ha dichiarato il responsabile del progetto X-57 Tom Rigney. “Abbiamo in programma di condividere rapidamente preziose lezioni apprese lungo il percorso mentre progrediamo verso i test di volo, contribuendo a informare il crescente mercato degli aeromobili elettrici”.

Un obiettivo importante del progetto X-57 è contribuire a formare standard di certificazione per i mercati emergenti di aeromobili elettrici. La NASA condividerà il design incentrato sulla propulsione elettrica dell’aeromobile con i regolatori.

Leggi anche:  Marte: ecco le novità dal Pianeta più ambito dall'uomo

Il team X-57 sta utilizzando un “driver di progettazione” come una sfida tecnica. Questo include zero emissioni di carbonio in volo, un aumento del 500 percento dell’efficienza del viaggio ad alta velocità. Inoltre comporterà anche un volo più silenzioso per le comunità a terra.