iphone-11-pro-benchmark

Ormai i nuovi iPhone sono stati presentati e quindi da ora in poi si scopriranno sempre più informazioni su questi dispositivi, aspetti che Apple non ha divulgato. Uno di questi può essere la reale potenza di uno di questi dispositivi, ma a darcene un assaggio è la popolare piattaforma di benching GeekBench. Da poco è comparso tra i suoi elenchi il resoconto di un test di quello che dovrebbe essere l’iPhone 11 Pro, il modello più costo di questo nuovo trittico.

Questo test mette in luce una caratteristica che la compagnia ha sempre mantenuto ovvero l’ottimizzazione del software sull’hardware; molte caratteristiche distintive del marchio sono state perse negli anni, ma non questa. Nel test single core l’iPhone ha registrato un notevole 5.472 mentre nel multi-core ha spazzato ogni record di smartphone Android; ha raggiunto il numero record di 13.769.

 

iPhone 11 Pro, un mostro di potenza

A questo giro non si può dire proprio niente ad Apple, almeno sul lato dell’ottimizzazione. Il Chip set alla base ha dimostrato di essere di una potenza impressionante. Ha rendere il tutto ancora più incredibile c’è il fatto che affiancato al Chip A13 Bionic ci sono 4 GB di RAM, una quantità ben lontana che ormai a cui standard della concorrenza android ci ha abituato ovvero 8/12 GB.

Ovviamente una rondine non fa primavera e quindi sarà necessario vedere i primi confronti tra modelli, per esempio tra l’iPhone 11 Pro e il futuro Mate 30 Pro o l’attuale Galaxy Note 10 Plus, ma anche il Galaxy S10 Plus presentato questo febbraio da Samsung.