luna-scienziati-preoccupatiL’uomo è stato sempre affascinato dalla Luna. Questo immenso corpo celeste riempie i cieli con una superficie chiaramente visibile ad occhio nudo. Sembra qualcosa di veramente fantastico nella sua imponenza. Tanto importante da richiedere numerosi viaggi spaziali per comprenderne morfologia e caratteristiche. L’interesse è massimo per la NASA che ha avviato anche un nuovo studio in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Bari. Tra i massimi esponenti dell’associazione si riscontra la partecipazione di Mario Nicola Mazziotta e Francesco Loparco, secondo la cui la Luna è più luminosa del Sole.

La causa di questo strano comportamento è dovuta alla presenza dei raggi gamma, il cui livello di energia li pone al di sopra dei tanto temuti raggi X. La causa dell’influsso di questi raggi sul suolo lunare provoca un picco localizzato di luminosità. In vista del prossimo sbarco è possibile ottenere nuove informazioni.

 

Luna: ecco perché sta diventando più luminosa del Sole

Tutti gli effetti della nuova scoperta si possono spiegare unicamente con l’applicazione di alcuni principi fisici già verificati. Si parte dal presupposto che nel satellite non è possibile ravvedere campo magnetici. Sulla base di questa considerazione è chiaro evincere che i raggi cosmici non hanno l’opportunità di subire una deviazione. Interagendo con la polvere lunare cambiano la struttura della superficie che, assorbendoli, mostra una diffusa scia luminosa che in parte arriva anche sulla Terra.

Leggi anche:  Marte grande quanto la Luna: ecco perché non avete visto NULLA

Secondo la NASA, la presenza di una massa abbondante di questi raggi influenza il livello di luminosità del corpo celeste. Allo stesso modo si verifica un effetto sulla Terra che, in queste fasi, assorbe un ciclo di raggi gamma molto elevati. Vista la loro struttura energetica sono pericolosi e raffrontabili all’energia nucleare. C’è bisogno di un nuovo studio che consenta di verificare i potenziali effetti negativi derivanti da un’esposizione prolungata sul corpo umano.