Apple Watch Series 4 è sul mercato da meno di un anno e gli è già stato riconosciuto il merito di aver salvato decine di vite in tutto il mondo. Anne Rowe di Fairhope, in Alabama, si unisce al crescente gruppo di portatori di orologi che avrebbero potuto affrontare condizioni mediche potenzialmente letali senza l’Apple Watch.

La FOX10 ha condiviso per la prima volta la storia di Rowe in cui dichiara che è stato l’Apple Watch a impedirle di subire un ictus potenzialmente letale. Come qualcuno che vive con l’asma, Rowe ha riscontrato la mancanza di respiro quando camminava intorno alla sua casa mentre le sue condizioni peggioravano.

Apple Watch continua a salvare vite umane

Il marito di Anne Rowe le ha regalato un Apple Watch a Natale, quindi ha pensato di provare l’app ECG dell’orologio. Apple Watch Series 4 è stato lanciato lo scorso autunno con un sensore di frequenza cardiaca integrato. Esso è in grado di catturare una lettura dell’elettrocardiogramma attraverso il polso e la punta delle dita utilizzando l’app ECG di Apple.

Leggi anche:  Apple accusata di aver rubato il brevetto della doppia fotocamera

Gli utenti senza AFib in genere vedono un ritmo cardiaco chiamato ritmo sinusale. Tuttavia, l’Apple Watch di Rowe rileva AFib a causa di un battito cardiaco irregolare. La Mayo Clinic descrive AFib come “una frequenza cardiaca irregolare e spesso rapida che può aumentare il rischio di ictus, insufficienza cardiaca e altre complicanze cardiache”.

Comprensibilmente, Rowe inizialmente ha respinto il risultato AFib acquisito dal suo Apple Watch, ma l’app ECG era coerente. Dopo ulteriori test con l’Apple Watch, ha deciso di consultare il suo medico.

L’Apple Watch aveva effettivamente rilevato con precisione che il suo cuore era in AFib dopo che le macchine dell’ospedale hanno riportato lo stesso risultato. Rowe dice che “non ha dubbi” che l’Apple Watch le abbia salvato la vita. Rowe in seguito ha sostituito la valvola mitrale attraverso un intervento chirurgico a cuore aperto. Questo per risolvere il battito cardiaco irregolare e ridurre il rischio di subire un ictus.