Alcuni proprietari di Tesla indossano la fedeltà del marchio sulla manica. Questo proprietario di Tesla lo indossa in profondità sotto la manica, impiantato nel suo braccio.

The Drive ci porta la storia del creatore di cose Aimee DD, un ingegnere del software il cui elenco di interessi comprende modifiche del corpo. Ha visto un modo per mescolare quei due argomenti dopo aver acquistato il suo Tesla Model 3.

Tesla Model 3, il chip per avviare l’auto impiantato sotto pelle funziona

Aveva già un chip piantato in un braccio, che usa per compiti come sbloccare la porta d’ingresso. Quindi la chiave magnetica RFID della macchina l’ha indotta a pensare, proprio come farebbe chiunque di noi: “Ehi, perché non mettere quella cosa nell’altro braccio? “

Aimees dice che “ha parlato con alcuni dottori, ed erano un po ‘sospettosi nel farlo.” Nei video a seguire, Aimee spiega come ha estratto il chip dalla scheda, facendolo sigillare in un polimero biosafe – che tra l’altro sembra molto più ingombrante da impiantare rispetto a lo stesso chip nudo. I video fanno un buon lavoro nel raccontare la storia, ma nota agli schizzinosi, questo mostra l’effettivo intervento chirurgico:

Leggi anche:  Diesel contro Elettrico: ecco chi inquina di più

Dunque, dopo l’intervento andato a buon fine il chip funziona, ma la portata è un problema. Aimee si è resa conto di dover posizionare il braccio entro un pollice dalla console centrale di Tesla affinché i suoi sensori possano rilevarlo e avviare la macchina. In altre parole, non aspettarti di vedere presto nuovi proprietari interessati ad installarsi un chip sotto pelle presso i negozi di Tesla.