Wiko Y80 è lo smartphone entry-level della casa francese, presentato giusto qualche settimana fa. Il nostro Gianluca Cocca era presente all’anteprima e vi lasciamo il link qui per poterla guardare con calma, non prima però, di aver letto tutta la recensione di questo interessante quanto economico piccolo device.

Estetica e dimensioni

Insieme a Y60, rappresenta la proposta per la gamma basic del produttore europeo. Sicuramente l’ampio display da 5.99 pollici non lo classifica come un “piccolo” smartphone, ma bisogna ammettere che il grip complessivo del device ci è piaciuto tantissimo. Comodo, i materiali della back cover sono in un policarbonato levigato e molto piacevole al tatto e che aumenta la sensibilità ogni qualvolta lo estraiamo dalla tasca dei pantaloni. Bellissime invece le colorazioni, tutte opache: Gradient Dark Blue, Gradient Bleen e Gold.

La risoluzione purtroppo è solo in 1440×720 pixel, con una densità di 269 ppi. Molto semplice, i contrasti non sono dei migliori e la leggibilità sotto la luce del sole così come l’angolo di visuale risulta compromessa dalla qualità molto bassa del pannello che è un IPS LCD. Le dimensioni sono tuttavia nella norma: sebbene il grip sia ottimo, troviamo 160 x 76,5 mm con circa 8.55 mm di spessore ed un peso di 185 grammi. Non pochi!

Batteria e connettività

La batteria è da 4000 mAh e, complice il software ottimizzato molto bene dalla casa, complice un hardware poco energivoro, scaricarla risulta un impresa “titanica”. La connettività è davvero esemplare poi per un prodotto di questa fascia di mercato e con un prezzo così basso (che vi sveleremo fra poco!). Solito Wifi 802.11 a/b/g/n/ac, GPS, usb in versione micro (peccato!) e Bluetooth 4.2. Assente l’NFC ma è normale in questo segmento in cui viene collocato Wiko Y80.

Caratteristiche hardware e software

Il processore che coadiuva questo prodotto è il “Unisoc SC9863A“. Prestazioni molto limitate è vero, ma che fa girare in maniera “normale” tutto il dispositivo. Sono presenti sporadici lag e rallentamenti, ma in un prodotto del genere è anche normale.

La GPU è una IMG8322 unita a soli 2GB di RAM e 16GB di storage. Sì, lo so cosa starete pensando. Ed in effetti è vero, ma contestualizziamo il tutto. Ci sta anche se pensiamo al rapporto qualità prezzo e poi, non avremo sicuramente la possibilità di giocare ad Asphalt 9, è vero, ma chi acquista un prodotto del genere non è sicuramente “il giocatore tipo”, ma sarà una persona che ha bisogno di un device dall’ampio display con cui fruire dei contenuti multimediali, scambiare messaggi WhatsApp e Telegram, chiamare, videochiamare, e qualche App “qua e là”.

Leggi anche:  Festa dei nonni: il 2 ottobre regalate un Wiko Y80

Esce con Android 9.0 Pie, aggiornato e quindi con supporto alle ultime novità in termini di fruibilità in casa Google.

Fotocamere

Le fotocamere ci hanno stupito. Non sono affatto male gli scatti e di giorno regalano fotografie con un buon livello di dettaglio, abbastanza “frizzanti” e con un uso “Social” decisamente nella norma. Non buoni i video che risultano essere decisamente “primitivi”, con possibilità di registrare fino in FullHD a 30 fps, vi è la stabilizzazione, l’autofocus e molti altri parametri interessanti. A livello tecnico i due sensori posteriori sono da 13+2 Megapixel, mentre quello anteriore è da 5 Megapixel.

Prezzo e conclusioni

Ecco: il prezzo di Wiko Y80 è forse la vera “killer feature” di questo smartphone. Psicologicamente un prodotto proposto sotto la soglia dei 99 Euro, è decisamente interessante per tutto quel pubblico che vuole un prodotto onesto, carino, ben visibile e soprattutto… vuole spendere poco. Una scelta azzeccata anche per tutti coloro che cercano un buon device economico in cui inserire la seconda SIM da lavoro.
Qualora foste interessanti, vi lasciamo qui il link per poterlo acquistare direttamente da Amazon.

Wiko Y80

99.00 Euro
6.4

Materiali

6.0/10

Prestazioni

5.5/10

Prezzo

8.5/10

Design

6.0/10

Dimensioni

6.0/10

Pro

  • Ergonomia
  • Prezzo
  • Display

Contro

  • Prestazioni
  • Hardware
  • Fotocamere e videocamera