A quanto pare, è quasi tradizione che ogni anno, mesi prima dal loro debutto ufficiale, i dispositivi Google Pixel siano ormai ovunque in rete. Anche stavolta, infatti, sono trapelate online informazioni e renders del Pixel 4, che sarà rilasciato tra svariati mesi.

Le immagini dei Google Pixel sono sempre online come dimostra anche il caso del Pixel 3. Infatti, nel 2018, ad agosto sono emerse alcune immagini. Dunque, circa un mese prima del lancio ufficiale sul mercato. Oggi, invece, vi mostriamo le nuove immagini dettagliate che riguardano l’imminente Pixel 4, il quale sembra quasi il modello gemello del Pixel 4 XL per quanto sono simili.

Le immagini provengono da OnLeaks (in collaborazione con iGeeksBlog), quindi sono probabilmente molto simili a quel che poi sarà il progetto finale e definitivo. In particolare, lo schermo ha una larghezza di 5,6 pollici e l’intero smartphone è 6,79 x 2,71 x 0,32 pollici (147 x 68,9 x 8,2 mm). Se considerate anche il dorso della fotocamera, è spesso 0,37 pollici (9,3 mm). Si tratta di un aumento di dimensioni minori rispetto a Pixel 3 dello scorso anno, pari a 5,73 x 2,69 x 0,31 pollici (145,6 x 68,2 x 7,9 mm). Di seguito i renders citati poco fa.

Leggi anche:  Google acquista i dati dei volti delle persone in strada per $ 5

Il nuovo Google Pixel 4 è molto simile al Pixel XL, trapelati alcuni renders

Nel complesso, il design è appunto quasi identico a quello che abbiamo visto del Pixel 4 XL. I bordi appaiono leggermente più grandi, ma potrebbero avere le stesse dimensioni del telefono più grande e sembrare più grandi perché lo schermo è stato ridotto. L’array della fotocamera posteriore è identico e non c’è ancora nessuna traccia del jack per le cuffie.

Ci sono sempre state alcune preoccupazioni per questo dispositivo. Infatti, Google potrebbe decidere di eliminare direttamente la variante base più piccola della linea, quindi il Pixel, per lanciare solo quella di maggiori dimensioni, ossia i Pixel XL. Tuttavia, dopo queste immagini affidabili, almeno guardando il design, possiamo dedurre che l’idea di Google resta solo un’idea per ora.