facebook-libra-regolatori-criptovaluta-blockchain-piattaforma-social-network-banche

Facebook non renderà Libra disponibile fino a quando le autorità di regolamentazione non saranno felici. Potrebbe essere necessario attendere un po’ prima di poter offrire la sua criptovaluta. La compagnia è determinata a rassicurare ai funzionari che la sua criptovaluta Libra è al di sopra della tabella.

Come parte della testimonianza preparata per un’udienza del 16 luglio al Senato, il capo di Calibra, David Marcus, ha sottolineato che il social network non offrirà i soldi virtuali fino a quando non avrà “completamente preso in considerazione” le preoccupazioni dei regolatori e ottenuto l’approvazione.

Facebook ha fatto promesse sulla privacy per Libra

Ha anche ribadito le promesse sulla privacy. L’Associazione Libra non conserverà i dati personali oltre le informazioni di base sulle transazioni, ha detto Marcus. Inoltre, Facebook non condividerà le informazioni sul portafoglio di Calibra con il resto dell’azienda. La società sta trattando Libra come uno “strumento di pagamento, non un investimento”, e che ha lo scopo di facilitare i trasferimenti di denaro e le interazioni.

L’Associazione non può trarre profitto dai dati sulla blockchain per pubblicità e altri scopi, secondo Marcus. Si aspettava che la Svizzera (un paese favorevole alla criptovaluta) fosse l’organo di tutela della privacy in quanto l’Associazione Libra ha sede a Ginevra. Non c’è alcuna garanzia che la testimonianza di Marcus soddisferà il Senato.

I politici stavano già chiedendo a Facebook di fermare il lancio del tutto fino a quando le loro preoccupazioni non sono state affrontate. I leader (incluso Donald Trump) non sono fan della criptovaluta in primo luogo. Facebook potrebbe dover accettare una lunga attesa prima che gli venga permesso di portare Libra sul mercato, supponendo che non venga rifiutata prima di allora.