E’ risaputo, ormai, che il 4G è in assoluto lo standard di rete mobile maggiormente usato dagli utenti di tutto il mondo. Negli anni quest’ultimo è stato spesso riadattato e potenziato, aggiornandosi alle versioni 4G+ e 4.5G che lo hanno spinto a velocità mai viste prima, sfiorando addirittura i 1000 mega su rete mobile. 

Ovviamente essendo il 4G lo standard di rete mobile più diffuso al mondo, ogni giorno milioni di persone lo utilizzano sul proprio smartphone per navigare sul web, guardare film e serie TV in streaming, inviare messaggi ecc. Nonostante sia quindi un potente mezzo per la connessione ad internet, il 4G non è più un posto sicuro per gli utenti. A causa di una falla scoperta al suo interno, milioni di persone stanno rischiando di vedere la propria privacy andare in fumo. In Italia, infatti, tutti i clienti di Tim, Wind, Tre, Vodafone, Iliad e di qualsiasi MVNO, rischiano ogni giorno di essere spiati da un momento all’altro. Scopriamo di seguito maggiori dettagli

Leggi anche:  Huawei oltre il 5G, il CEO conferma di star lavorando al 6G

Falla 4G: un grave problema che solamente l’arrivo del 5G potrà risolvere

Sono già in molti ad urlare al complotto e alla fake news ma la notizia della falla è già stata confermata dai ricercatori di due tra le più importanti università al mondo: Ruhr-Universität Bochume e New York University Abu Dhabi. Questi ultimi, infatti, hanno confermato che la falla esiste ed è molto più pericolosa di quanto si possa immaginare poiché, diffusa in 3 protocolli diversi, allo stato attuale è impossibile ripararla. Solamente l’arrivo del 5G, quindi, potrà ristabilire la situazione e mettere nuovamente gli utenti in sicurezza.

Ricordiamo inoltre che in questo momento, utilizzando il 4G, si rischia di subire uno dei seguenti attacchi informatici:

  • rilevazione della posizione del gps;
  • ascolto delle chiamate;
  • trafugamento di dati personali;
  • invio di falsi allarmi;
  • furto di identità.