samsung-profitti-calo-huawei

La maggior parte di noi conosce Samsung per il fatto che è il primo produttore di smartphone al mondo, ma non è l’unico business redditizio che rientra in tale settore, anzi. È il leader mondiale anche per quanto riguarda i display OLED, processori, memorie e altro ancora. Uno delle parti più redditizie è la fornitura di chip DRAM e NAND i quali sembrano essere stati colpiti da un numero di vendite negli ultimi mesi. Questa diminuzione precede l’aggravarsi della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ma dopo che Huawei è stata messa nella famosa lista nera la situazione è peggiorata ulteriormente.

 

Samsung potrebbe vedere i propri profitti diminuire del 60%

Secondo una previsione fatta da Refinitv SmartEstimate l’utile operativo che la compagnia pubblicherà tra non molto sarà di 5,14 miliardi di dollari; è una stima fatta sui numeri rilasciati da 29 analisti. Si tratta già di un calo rispetto al primo trimestre visto che da gennaio a marzo i profitti sono stati 5,4 miliardi. L’inserimento di Huawei nella lista nera degli Stati Uniti è avvenuto circa a metà del secondo trimestre e gli effetti stanno già incominciando a sentirsi.

I chip sopracitati che Samsung produce vengono esportati in tutto il mondo e nel momento che il colosso cinese ha previsto una riduzione della produzione dei dispositivi allora anche gli ordini sono diminuiti. Vero che da un lato ci sarà una maggiore vendita di smartphone da parte del produttore sudcoreano stesso, ma non basta a coprire. Un altro motivo della diminuzione è il fatto che i prezzi dei chip stanno diminuendo in tutto il mondo.