diesel inquina meno del motore elettrico

Non è una notizia campata in aria, poiché se allarghiamo il discorso allo stile di guida degli automobilisti e all’intero ciclo produttivo del veicolo, allora il diesel inquina meno del motore elettrico.

La notizia che sta mandando nel caos il mondo dei motori è arrivata da un istituto di ricerca di Monaco di Baviera chiamato CES-Ifo, il cui report ha messo a confronto una Mercedes C220d e una Tesla Model 3. Tali automobili campione sono state scelte perché emettono meno CO2 dei loro compagni di classe.

Considerando il consumo di carburante, delle batterie, dell’energia elettrica, nonché dei costi di produzione industriale, una Tesla Model 3 inquina di più di quanto faccia la Mercedes C220d. In particolare, l’auto elettrica di Elon Musk emette tra 155 e 188 g/km di CO2, mentre la C220d non va oltre i 141 g/km di media.

Il Diesel inquina meno dell’elettrico: quali sono le basi per affermarlo

Però il centro studi CES-Ifo ha tenuto a precisare che i calcoli sono dipendenti dal paese in cui si svolge la ricercaa seconda di come e quanto costa l’energia elettrica. Proprio in Germania le fonti per la produzione di energia elettrica provengono ancora dalla combustione del carbone per il 45,6% del totale. In Italia le statistiche del 2017 parlavano di un 13,75%.

Leggi anche:  Diesel contro elettrico: i dati svelano chi inquina di meno, che sorpresa

Calando la notizia al contesto italiano, torna utile uno studio del 2018 edito dal professore Carlo Beatrice, il quale segue il filo della ricerca tedesca precisando che solo alcuni motori elettrici sono più inquinanti dei diesel.

Per Beatrice bisogna innanzitutto fare differenza tra questi due motori elettrici:

  • Battery Electric Vehicle (BEV), cioè un veicolo mosso da motore elettrico alimentato con batterie a Ioni di Litio.
  • Fuel Cell Electric Vehicle (FCEV): un motore alimentato con energia elettrica generata da celle a combustibile alimentate da Idrogeno e Ossigeno, avente come prodotto finale acqua.

Essendo coinvolte batterie a litio, il primo motore non è ecosostenibile, visto che la loro produzione usa delle terre rare e pone interrogativi sullo smaltimento dei prodotti esausti. Soprattutto per categorie di veicoli di media-grande taglia che eseguono percorsi urbani o autostradali, la sostenibilità ambientale non è così scontata.

Il professor Beatrice aggiunge che “la tecnologia dei motori elettrici non potrà sostituire o mandare in pensione quelli a combustione“. Come succede in tanti comparti hi-tech, differenti tecnologie propulsive andranno di pari passo a lungo. Sarà invece fondamentale trovarela giusta sinergia tra propulsore e vettore energetico in funzione del tipo di veicolo e del suo uso.