tesla

Il sistema avanzato di assistenza alla guida di Tesla, Autopilot, era attivo quando una model  3 guidata da un uomo della Florida di 50 anni si è schiantata contro un autotreno il 1 marzo. Il National Transportation Safety Board (NTSB) afferma in un rapporto pubblicato giovedìche secondo qunato scoperto dai primi preliminari estrapolati che ne il veicolo ne l’autopilota “hanno provato ad eseguire manovre evasive” prima di colpire il camion.

NTSB ha pubblicato un rapporto preliminare giovedì per la sua indagine in corso sull’incidente fatale, il 1 marzo 2019, vicino a Delray Beach, in Florida.

L’autista, Jeremy Beren Banner, è stato ucciso nell’incidente. È almeno il quarto incidente mortale per Tesla.

 

Una sfortunata serie di eventi per Musk

Questo incidente è stranamente simile ad un altro che coinvolse la società nel 2016 vicino a Gainesville, in Florida. In quell’incidente, Joshua Brown fu ucciso quando la sua berlina Model S entrò in collisione con un camion su un’autostrada della Florida nel maggio 2016.

La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha determinato che una “mancanza di sicurezza” ha contribuito alla morte di Brown. Nel frattempo, il rapporto di oggi è solo preliminare e l’NTSB ha rifiutato di dare la colpa a qualcuno.

Leggi anche:  Diesel inquina più dell'Elettrico? Questo studio vi sorprenderà

Gli investigatori affermano che Banner era impegnato con il pilota automatico circa 10 secondi prima della collisione. “Da meno di 8 secondi prima dello schianto al momento dell’impatto, il veicolo non ha rilevato le mani del guidatore sul volante”, ha detto il NTSB. Il veicolo viaggiava a 68 mph quando si è schiantato. Il tetto del Model 3 è stato sbalzato via quando ha colpito il rimorchio del camion, passando sotto, per poi schiantarsi a 1600 metri di distanza.

In una dichiarazione, Tesla ha confermato quella serie di eventi. “Siamo profondamente rattristati da questo incidente e i nostri pensieri sono rivolti a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia”, ha detto un portavoce di Tesla. “I conducenti di Tesla hanno registrato più di un miliardo di miglia con Autopilot e i nostri dati mostrano che, se usati correttamente da un autista attento pronto a prendere il controllo in ogni momento, i piloti supportati da Autopilot sono più sicuri di quelli che operano senza assistenza. Negli ultimi tre trimestri abbiamo rilasciato dati trimestrali sulla sicurezza direttamente dai nostri veicoli che lo dimostrano. “