Fastweb: un iPhone in regalo ai clienti con la nuova truffa sulle offerteLa Polizia Postale segnala una nuova ondata di truffe online ai danni degli utenti. I tentativi di frode riscontrati negli ultimi giorni sono numerosi e arrivano in maniera differente utilizzando vari espedienti.

Tra i messaggi fraudolenti più recenti è stato segnalato il falso blocco del computer, ma non solo. Gli utenti continuano a ricevere comunicazioni del tutto fittizie che tentano di persuaderli o intimorirli. E’ il caso dell’SMS che esorta a disattivare un abbonamento al servizio cinemaprimafila o il falso iPhone in regalo ai clienti Fastweb. Utilizzando comunicazioni di questo tipo i malfattori mirano ad estorcere i dati sensibili degli utenti per arrivare poi ai loro risparmi. E’ fondamentale, dunque, seguire i consigli della Polizia Postale e non lasciarsi incuriosire.

Polizia Postale: segnalati nuovi tentativi di frode online che arrivano tramite email ed SMS!

Le truffe fino ad ora segnalate dalla Polizia Postale seguono più o meno la stessa tecnica e si presentano tramite comunicazioni fittizie. Tramite queste i cyber-criminali tentano di ottenere dagli utenti i dati sensibili che consentono di accedere ai risparmi. Diventa sempre più importante, quindi, imparare a riconoscere i messaggi che possono nascondere delle truffe e a tal proposito è opportuno mantenersi aggiornati tramite la pagina “Commissariato di PS Online-Italia“.

Leggi anche:  Truffe Unicredit e Sanpaolo: addio ai conti correnti svuotati

Le comunicazioni create dai cyber-criminali presentano sempre un tono intimidatorio che esorta a procedere velocemente con l’inserimento dei dati. Uno degli ultimi tentativi di frode segnalati, ad esempio, presenta un timer e invita gli utenti a riscuotere un iPhone inserendo in fretta le informazioni richieste.

Ricordare che nessuna azienda richiede mai determinate informazioni che possono dare accesso a carte e conti correnti è sufficiente al fine di evitare gli inganni. Nessuno, inoltre, offre dei premi senza alcun reale motivo, dunque, è opportuno non lasciarsi abbindolare. Evitando di inserire qualsiasi informazione e tutelando i propri dati è possibile sfuggire agli inganni che circolano online.