La rete 5G è la prossima rete che sostituirà la rete di quarta generazione e sarà molto più potente e veloce; i consumatori potranno navigare con una connessione mobile super veloce e molti progetti saranno portati finalmente a termine. Industria 4.0, automobili con guida completamente autonoma, il progetto della smart city e tanti altri progetti finalmente potranno essere sviluppati; insomma, per l’Italia sarà una vera e propria evoluzione.

I consumatori che aspettano con ansia la nuova rete sono numerosi ma sono altrettanto numerosi, i consumatori che temono per il consumo energetico che diventerà molto più alto; proprio così, si prospetta un consumo energetico molto più elevato e a dirlo è Vertiv che secondo alcune analisi, salirà del 150/170% entro il 2026.

Rete 5G e consumo energetico troppo elevato: ecco perché i consumatori sono preoccupati

Vertiv è una società nota specializzata nella produzioni di reti e infrastrutture informatiche e al Mobile World Congress ha esposto il suo ultimo studio; secondo quanto dicono i risultati di tale studio che ha preso in considerazione 100 operatori telefonici, i consumatori si dividono in due parti:

  1. Un lato, abbiamo dei consumatori entusiasti dell’arrivo del 5G ma anche dell’ Edge Computing, prendendo questo arrivo con un forte ottimismo;
  2. Dall’altro lato, il 90% degli intervistati è molto preoccupata per il consumo energetico che salirà notevolmente.
Leggi anche:  Huawei vuole una nuova mentalità per accelerare lo sviluppo del 5G

Infatti Vertiv ha esposto anche la sua ultima analisi secondo la quale, entro l’anno del 2026 il consumo energetico aumenterà del 150/170%; per questo motivo che entra in gioco l’ Edge Computing che permette di diminuire la latenza e i data center. Secondo l’analisi, non tutti gli operatori telefonici hanno integrato questo nuovo sistema ma solo il 37% mentre l’altro 47%, ci sta ancora lavorando.