chrysler

Chrysler ha emesso un richiamo per circa 48.000 esemplari del minivan Chrysler Pacifica, versione uscita nel 2018. I veicoli in questione sono stati tutti costruiti presso lo stabilimento di assemblaggio Windsor in Canada tra il primo novembre 2017 e il 28 febbraio 2018 e tale intervallo di costruzione coincide con un aumento delle richieste di manutenzione tramite garanzia per via di alcuni “rumori strani” che l’auto emetteva. Il difetto ha richiamato l’attenzione della casa automobilistica, che è subito corsa ai ripari.

Il problema deriva dal sistema di sospensione. Secondo i documenti di richiamo di Chrysler, “una combinazione di perdita di carico del morsetto e inadeguato innesto del giunto” potrebbe far sì che il braccio di controllo inferiore anteriore destro si allenti dallo snodo dello sterzo. In tal caso, il conducente potrebbe perdere il controllo della direzione del veicolo, il che può aumentare il rischio che si verifichino incidenti.

 

Una bella sorpresa dalla casa automobilistica

Chrysler scoprì il problema dopo aver ricevuto un rapporto sul campo, dopo di che lanciò un’indagine per determinare cosa stava succedendo. A partire dal 18 febbraio, la casa automobilistica afferma di non essere a conoscenza di incidenti o infortuni legati al problema.

Il fabbricante d’automobili ha già un rimedio pronto all’uso. Dopo aver restituito i veicoli ritirati ai concessionari, i tecnici Chrysler ispezioneranno il tirante anteriore sterzo destro e il braccio di controllo inferiore, e le parti saranno sostituite se necessario. I tecnici installeranno anche un bullone di fissaggio più grande. Come per ogni manutenzione, verrà eseguita gratuitamente. Inoltre, Chrysler fa sapere che rimborserà i proprietari  di Pacifica che hanno pagato per una riparazione prima dell’annuncio di richiamo.