sistema

Il dipartimento di polizia di New York sta usando un nuovo sistema software chiamato Patternizr, che aiuta gli agenti a cercare “in centinaia di migliaia” di file, secondo un rapporto del Washington Post.

Il rapporto afferma che il software è stato sviluppato internamente e consente agli analisti di effettuare ricerche in un’ampia gamma di file per cercare pattern o crimini simili. In precedenza, avrebbero dovuto passare attraverso file fisici. In un esempio, gli ufficiali hanno usato il sistema per collegare due reati: un uomo che ha usato una siringa per rubare un trapano in due diversi Home Depot a New York. Rebecca Shutt, l’analista del crimine che ha risolto il caso, ha spiegato al Post che il sistema “ha riscontrato lamentele da altri distretti, se non avessi verificato di persona non avrei mai potuto accedere a questa informazione“.

Questo non è un sistema simile che si basa l‘intelligenza artificiale, piuttosto, è un sistema che cerca nei database del NYPD modelli simili, permettendo agli investigatori di cercare da un pool di dati molto più ampio nel corso di un’indagine. Il sistema può contribuire a introdurre ulteriori fonti di informazione da tutta la polizia di New York, rendendo facile la visualizzazione di crimini che potrebbero essersi verificati altrove.

 

Il sistema circola già da 3 anni

NYPD afferma che il dipartimento ha lanciato il software nel 2016, ma  ha rivelato la sua esistenza in un numero di INFORMS Journal su Applied Analytics. Secondo il commissario per l’analisi dei dati di NYPD, Evan Levine, l’ex direttore dell’analisi Alex Chohlas-Wood, il dipartimento ha impiegato due anni a sviluppare il software e ha affermato che il NYPD è il primo a utilizzare tale sistema negli Stati Uniti.

ChohlasWood e Levine hanno detto al Post di aver utilizzato 10 anni di modelli per addestrare il sistema, e in fase di test “ha accuratamente ricreato i vecchi modelli di crimine un terzo delle volte e ha restituito informazioni relative ad altri casi l’80 percento del tempo.”

Il risultato sembra essere d’aiuto agli investigatori, che in parte hanno automatizzato un processo che fino ad ora è stato possibile solo tramite indagini accurate.